Ti trovi in: Home Page  \ Notizie \ Dettaglio notizia
Martedi 10 Dicembre 2019 


Dona il 5x1000 ad AISLA

Cureacasa.it

AriSLA

Centro Clinico Nemo

Firma l'appello su Liberidivivere.it

Aiuta AISLA

Tesseramento 2011

ASTI Calcio


AISLA
Guardavalle on line
FC Guardavalle
Albatros Comunicazione
Guardavalle Web
USD Pro Catanzaro


(asu)

Pro Catanzaro, un gol contro la Sla!

La compagine indosserà per questa stagione sulle proprie divise il logo dell’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica

La Pro Catanzaro insieme all'A.I.S.L.A. per "fare gol" contro la S.L.A.! Da pochi giorni infatti quella giallorossa è la quarta squadra in Italia dopo l'Asti (serie D), il Pian de Meleto (Promozione marchigiana) e il Guardavalle (Eccellenza calabrese) a portare in questa stagione sulle proprie divise da gioco il logo dell'Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, sostenendo così questa Onlus (che tra l'altro annovera come "società amica" anche il Novara), fondata nel 1983 da un piccolo gruppo di persone le quali, frustrate dalla loro esperienza di isolamento e di abbandono, ma piene di speranza per il futuro, si sono costituite in Associazione per poter contrastare l'incubo di questa malattia neurologica, che colpisce i motoneuroni e gradualmente limita la vita muscolare. In Italia la S.L.A. è divenuta tristemente famosa per aver portato via lo storico capitano del Genoa Gianluca Signorini, oltre che per aver colpito diversi altri calciatori, tra cui l'ex centravanti di Milan e Fiorentina Stefano Borgonovo. 

"Ma – ha spiegato il Consigliere Nazionale A.I.S.L.A. Vincenzo Soverino, guardavallese di nascita e anch'esso colpito dalla S.L.A. dal 2005 – che quando viene definita la S.L.A. come "malattia dei calciatori" si commette un errore, essendo invece una patologia che può colpire chiunque. Stiamo invece cercando di sensibilizzare la gente su questa malattia, veicolandola attraverso il gioco del calcio, non vogliamo spaventare nessuno". "Quanto invece all'accordo con la Pro Catanzaro – ha continuato Soverino – non posso fare a meno di ringraziare ancora una volta mister Enzo Riitano, il quale sin da quando ci siamo conosciuti ha sposato in pieno la nostra causa (oltre a rappresentare un vero e proprio punto di riferimento per noi in Calabria), e la stessa società giallorossa per la sensibilità dimostrata nei nostri confronti. È un orgoglio per un calabrese come me che la mia associazione possa approfittare di questa sensibilità". "Siamo fieri di poter dare il nostro contributo – ha invece dichiarato il vice presidente della Pro Catanzaro Lino Bellassi – per sensibilizzare la gente nei confronti di questa malattia e, nel nostro piccolo, per essere vicini a tutti coloro che soffrono". 


Fonte:http://www.catanzaroinforma.it/pgn/news.php?id=34881

Pubblicata il 22-09-2011 alle ore 09:30