Ti trovi in: Home Page  \ Notizie \ Dettaglio notizia
Mercoledi 24 Luglio 2019 


Dona il 5x1000 ad AISLA

Cureacasa.it

AriSLA

Centro Clinico Nemo

Firma l'appello su Liberidivivere.it

Aiuta AISLA

Tesseramento 2011

ASTI Calcio


AISLA
Guardavalle on line
FC Guardavalle
Albatros Comunicazione
Guardavalle Web
USD Pro Catanzaro


(Approfondimenti )

SLA: IL FUMO PUO' ESSERE UN FATTORE DI RISCHIO

Roma - Il fumo di sigaretta puo' essere associato a un aumentato del rischio di sviluppare la SLA- Sclerosi Laterale Amiotrofica,

Una malattia neurodegenerativa che attualmente non conosce cura. A dirlo e' uno studio pubblicato su Archives of Neurology firmato da un team internazionale guidato dal Hao Wang della Harvard School of Public Health di Boston e firmato anche da due esperti italiani: Giancarlo Logroscino del dipartimento dei neurologia dell'Universita' di Bari e Alberto Ascherio del dipartimento di epidemiologia e nutrizione della Harvard School. A dedicare un servizio allo studio e' stato il notiziario www.osservatoriomalattierare.it. Attualmente non ci sono certezza sulle cause della SLA di tipo sporadico, cioe' la forma che riguarda oltre il 90 per cento dei casi: si pensa che i fattori che ne generano l'insorgenza possano essere vari - si parla dunque di malattia multifattoriale - e per questo da tempo veniva preso in considerazione un possibile ruolo del fumo di sigaretta. Mancavano pero' degli studi epidemiologici significativi; per questo il team di ricercatori ha pensato che fosse utile fare un ampio studio di tipo prospettico andando ad indagare su questa possibile correlazione. I ricercatori hanno dunque analizzato i dati provenienti da cinque diversi studi a lungo termine - con follow up tra i 7 e i 28 anni - che hanno riguardato piu' di un milione di soggetti, 832 dei quali con diagnosi di SLA, un numero considerevole per una patologie che viene comunque annoverata tra quelle rare. Questi pazienti erano divisi in 562 uomini e 556 donne. Studiano i dati i ricercatori hanno dunque constatato che i tassi di SLA erano piu' elevati tra gli uomini che tra le donne a parita' di eta' e che coloro che nella vita avevano fumato avevano un aumentato rischio di SLA rispetto a coloro che non avevano mai fumato.
  Per l'esattezza i fumatori mostravano un aumento del rischio di sviluppare la malattia di circa il 42 per cento. Inoltre e' stata notata una correlazione positiva tra la durata dell'abitudine al fumo e il numero di sigarette giornaliere e l'aumento del rischio di sviluppare la malattia. In poche parole piu' i pazienti erano forti fumatori e lo erano stati piu' a lungo, piu' aumentava il rischio. In particolare questo aumenterebbe del 9 per cento per ogni 10 anni passati da fumatori e di un altro 10 per cento per ogni 10 sigarette in piu' al giorno: in sostanza fumare un pacchetto (20 sigarette) o mezzo (10 sigarette) farebbe crescere il rischio del 10 per cento. Lo studio dimostra dunque che una correlazione, in termini di predisposizione all'insorgenza della malattia, potrebbe esserci anche se non e' chiaro quali meccanismo entrino in azione. Secondo gli autori potrebbe essere una conseguenza dello stress ossidativi causato dal fumo (dal tabacco ma anche e forse soprattutto da altri componenti presenti nelle sigarette o derivante dalla combustione, come la formaldeide), e il fatto che le sostanze presenti nel fumo generano radicali liberi, ma la chiarezza si potra' avere solo quando i meccanismi stessi dalla malattia saranno maggiormente noti.
  .
 

Fonte : http://www.agi.it/salute/notizie/201103241253-hpg-rsa1022-sla_il_fumo_puo_essere_un_fattore_di_rischio


Pubblicata il 24-03-2011 alle ore 15:56