Ti trovi in: Home Page  \ Notizie \ Dettaglio notizia
Mercoledi 24 Luglio 2019 


Dona il 5x1000 ad AISLA

Cureacasa.it

AriSLA

Centro Clinico Nemo

Firma l'appello su Liberidivivere.it

Aiuta AISLA

Tesseramento 2011

ASTI Calcio


AISLA
Guardavalle on line
FC Guardavalle
Albatros Comunicazione
Guardavalle Web
USD Pro Catanzaro


(Libreria)

E IN LIBRERIA IL LIBRO DI MASSIMO PANDOLFI "LIBERI DI VIVERE"

Malati inguaribili persone da curare.con 100 domande al nostro presidente nazionale Dott.Mario Melazzini e l'appello dei malati di sla tra cui anche dei MALATI ASTIGIANI
Puoi prenotare il libro presso la sede AISLA onlus di Asti tel.346-4009477

In un'epoca in cui si parla spesso del presunto diritto di morire di chi soffre e di chi è malato, questo volume capovolge il discorso: noi ripartiamo dalla vita, che è sacra e inviolabile. Ci accompagna in questo viaggio Mario Melazzini, primario oncologo, malato di Sla e presidente dell'Aisla (Associazione italiana Sclerosi laterale amiotrofica). Con un incalzante botta e risposta, Melazzini fornisce 100 elementi utili per uscire da quella mentalità che lui definisce dei «benepensanti»: «Oggi – dice Melazzini – la vita è come una patente a punti: se perdi qualche funzione, ti scalano i primi punti. A un certo punto, se perdi molte funzioni, finisci il credito e ti tolgono la patente di persona».

«La Sla ci ha permesso di conoscere delle persone coraggiose – scrivono in una delle introduzioni al volume due ex calciatori molto famosi, Luca Vialli e Massimo Mauro – Queste persone ci hanno fatto crescere e insegnato l'importanza di essere "Liberi di vivere"». Come dice il cantante Ron, autore dell'altra introduzione al volume, di fronte a certe malattie «scatta la quantità di amore che sappiamo dare, e capire quanto ne possiamo ricevere da loro, i nostri malati di Sla». Questi ultimi prendono la parola in un'apposita sezione del volume, intitolata Messaggi in bottiglia, dove attraverso toccanti pensieri, poesie, racconti, richieste concrete la voglia e la gioia di vivere, nonostante tutto.
«Liberi di vivere» nasce da un'urgenza che, grazie al coinvolgimento iniziale di quattro amici e all'apporto istituzionale dell'on. Antonio Palmieri, è diventata un vero e proprio appello, presentato al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e a cui tutti possono aderire.


Fonte: Edizioni Ares


FIRMA ANCHE TU L'APPELLO DA CONSEGNARE AL PRESIDENTE DELLA REPUBLICA ON. GIORGIO NAPOLITANO  ENTRO IL 31 DICEMBRE 2008
VAI SUL SITO  www.liberidivivere.it



Pubblicata il 27-09-2008 alle ore 23:32